it Italian
it Italian

Arriva l’inflazione cosa fare?

In questo momento di incertezza, come reagirà il nostro settore?…

Tra inflazione e tassi di interesse in procinto di cambiare, l’investimento immobiliare sembra assumere sempre più i connotati di un rifugio sicuro, anche se chi cerca un’alternativa ad azioni e obbligazioni può comunque ritrovarsi a gestire qualche rischio. Gli esperti di Avalon segnalano uno studio di Bloomberg che cerca di fare chiarezza nello scenario immobiliare globale, spiegando perché comprare case per investimento può rappresentare una buona scelta per gli investitori.

Investire in immobili: rifugio sicuro?

Con l’inflazione ai massimi da quasi 40 anni e almeno tre rialzi dei tassi, la caccia ai rifugi sicuri è iniziata. Il settore immobiliare è considerato un approccio per proteggersi dall’inflazione, dato che la classe di attività di solito ha poca correlazione con azioni e obbligazioni. Quindi, naturalmente, l’interesse degli investitori è alle stelle, anche sullo sfondo di un mercato immobiliare super caldo, una bassa offerta di case e tassi ipotecari che minacciano di salire. Nikodem Szumilo, professore associato di economia presso l’University College London e specialista in economia e finanza urbana, ha affermato di aver ricevuto domande almeno due volte a settimana negli ultimi sei mesi su questo argomento.

“L’inflazione è piuttosto alta e l’aumento dei tassi non aiuterà immediatamente”, spiega. “Quindi le persone stanno valutando cosa vogliono fare con i loro risparmi”. Alcuni esperti affermano che l’acquisto di immobili ora, nonostante un mercato caldo e competitivo, sia una buona scommessa, dato che i tassi ipotecari sono ancora bassi. Altri affermano che, poiché il settore immobiliare è così localizzato, è caso per caso e le aree rurali potrebbero non offrire le stesse prospettive delle grandi città. Ma in realtà, dipende dalle circostanze e dall’orizzonte temporale di investimento di un individuo. Ecco alcune domande che gli investitori, sia professionisti che dilettanti, stanno valutando e cosa suggeriscono gli esperti.

Immobiliare e inflazione sono correlati?

A prima vista, immobiliare e inflazione non sembrano correlati.L’inflazione si basa sui prezzi al consumo, mentre l’edilizia abitativa si basa sull’andamento demografico, sull’edilizia e sull’offerta complessiva. Tuttavia, a lungo termine, inflazione e alloggi tendono a muoversi nella stessa direzione a causa dei salari e dei tassi di interesse. L’inflazione spesso fa aumentare i salari, il che a sua volta aumenta i budget per l’affitto e l’acquisto. L’inflazione compare spesso anche in ambienti con tassi di interesse bassi, come negli Stati Uniti e in alcune parti d’Europa ora, dove il costo del prestito è basso. Ciò aumenta anche la domanda di proprietà.

Con l’inflazione che ora raggiunge livelli che non si vedevano da anni, il settore immobiliare è un’opzione di investimento interessante. “Il settore immobiliare è un’alternativa al mercato azionario”, ha affermato Benjamin Miller, amministratore delegato della piattaforma di investimento immobiliare Fundrise. “Le persone ci investono per lo stesso motivo per cui investono in criptovalute. Sono preoccupati per l’attuale sistema economico e vogliono opzioni”.

L’inflazione potrebbe influire se stai cercando di vendere una casa?

Al momento l’inflazione mette il mercato delle case nelle mani dei venditori. Poiché il numero di case disponibili si sta riducendo, questo spinge i prezzi. “Mentre il prezzo di tutto il resto sale, il recente aumento dei costi delle abitazioni non sembra così male in confronto”, ha affermato tuttavia Jeff Tucker, economista senior di Zillow. Quindi, a breve termine, è possibile che la domanda di acquisti immobiliari rimanga forte nonostante l’inflazione. L’aumento dei costi dei materiali da costruzione, dovuto all’inflazione e ai continui problemi della catena di approvvigionamento, potrebbe aumentare ulteriormente i prezzi delle case quest’anno poiché i costruttori di case li trasmettono ai consumatori. Ad esempio, i prezzi del legname sono ai massimi da mesi. Anche la carenza di forniture non aiuta. Un altro rischio rappresentato dall’inflazione è che con l’aumento dei prezzi di altri beni, come cibo e gas, i potenziali acquirenti di case potrebbero essere lasciati con meno da spendere in immobili, lasciando i venditori in asso. Ma Tucker prevede che i consumatori taglieranno le spese più discrezionali come viaggi, abbigliamento e intrattenimento, lasciando più spazio per necessità come l’alloggio.

Ora è un buon momento per comprare una casa?

Se sia un buon momento per comprare casa dipende dalle circostanze individuali. Sebbene possedere una casa possa salvarti dagli aumenti annuali degli affitti, i prezzi degli immobili sono aumentati molto a livello globale. Per coloro che sono interessati a rimanere in una casa per più di cinque anni, l’acquisto ha senso; ma se si pensa di dover vendere prima di allora, potrebbe essere meglio aspettare. I prezzi potrebbero infatti scendere nei prossimi anni, vanificando l’investimento.

Tuttavia, se la mossa è determinata dalla necessità, il momento è buono. I tassi sui mutui, anche se in lento aumento, sono ancora storicamente bassi. Questo è un vantaggio per coloro che acquistano una casa ora.”Potrebbe essere passato il momento migliore, ma sicuramente i tassi sono ancora molto bassi rispetto all’inflazione”, ha affermato Aneta Markowska, capo economista finanziario di Jefferies. “Chiunque rifinanzia ora, bloccherà un tasso ancora incredibilmente interessante”. Fiona Cincotta, analista senior del mercato finanziario presso City Index, consiglia a coloro che hanno mutui a tasso variabile – che hanno tassi di interesse che possono fluttuare – di guardare a un mutuo a tasso fisso ora per sfruttare il momento attuale.

Conviene investire in immobili commerciali?

Secondo gli economisti, l’apprezzamento degli immobili commerciali è stato in generale più timido di quello delle abitazioni, a volte addirittura non raggiungendo i tassi di inflazione a lungo termine. I contratti di locazione negli edifici per uffici tendono a essere più lunghi rispetto alle abitazioni, il che significa che gli affitti impiegano più tempo per adattarsi all’inflazione, il che può essere uno svantaggio per un investitore immobiliare. E durante la pandemia, l’aumento del lavoro a distanza e degli acquisti online ha ridotto la domanda di spazi commerciali e uffici. “In passato, le persone hanno investito in beni reali perché non riuscivano a trovare valore negli asset finanziari”, ha affermato Lzieri. “C’era la sensazione che le azioni fossero così costose rispetto ai valori storici che hanno cercato altre fonti di reddito e si sono spostate su asset reali. Potrebbe non essere così in questo momento”. Le case plurifamiliari sono un’altra storia. Poiché i contratti di locazione sono in genere in scadenza ogni 12 mesi, i proprietari hanno maggiori opportunità di inserire fattori come l’aumento dei costi delle utenze nell’affitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.